Avanti Indietro Indice

1. Introduzione

  1. D: Cosa è RAID?
    R: RAID sta per "Redundant Array of Inexpensive Disks", un modo per creare un sottosistema di dischi veloce e affidabile da una serie di dischi singoli. Nel mondo dei PC "I" è diventata iniziale di "Indipendent", mentre il mercato continua a differenziare IDE e SCSI. Nel suo significato originale "I" significava "Inexpensive" (a basso costo. ndt) se comparato ad un mainframe 3380 DASD grande quanto un refrigeratore, dei drive mostruosi che facevano sembrare economiche le belle case e robetta gli anelli di diamante.
  2. D: Cos'è questo documento?
    R: Questo documento è un tutorial/HOWTO/FAQ per gli utenti delle estensioni MD del kernel di Linux, dei tools ad esse associati e sul loro uso. Le estensioni MD implementano RAID-0 (striping), RAID-1 (mirroring), RAID-4 e RAID-5 tramite software. Con le MD, non sono così richiesti hardware o controller speciali per ottenere molti dei benefici della tecnologia RAID.

    Questo documento NON È un'introduzione alla tecnologia RAID; questa dovrete cercarla da qualche altra parte.

  3. D: Quali livelli di RAID implementa il kernel di Linux?
    R: Striping (RAID-0) e la concatenazione lineare sono parte dei kernel della serie 2.x. La qualità di questo codice è buona (production quality); è ben compreso e ben aggiornato. È usato in diversi grandi USENET news server.

    RAID-1, RAID-4 e RAID-5 sono parte del kernel dalla versione 2.1.63 in poi. Per i kernel delle serie 2.0.x e 2.1.x , vi sono patch che forniscono questa funzione. Non sentitevi obbligati ad aggiornare il kernel alla versione 2.1.63; l'aggiornamento del kernel è difficile; è *molto* più facile applicare una patch ad un kernel precedente. La maggioranza degli utenti di RAID utilizza kernel 2.0.x, ed è su queste versioni che si è focalizzato lo sviluppo storico della tecnologia RAID. Al momento queste implementazioni sono da considerarsi in stadio di codice "quasi di buona qualità"; non ci sono bug noti ma ci sono dei lati poco sofisticati e dei setup di sistema non testati. Sono comunque molti gli utenti che usano il Software RAID in un ambiente di lavoro.

    La funzionalità RAID-1 "hot reconstruction" è stata recentemente introdotta (Agosto 1997) e deve essere considerata in stadio di alfa testing. La funzionalità RAID-5 "hot reconstruction" sarà in alfa test prima o poi.

    Una parola va spesa sulla prudenza da usare con i kernel di sviluppo della serie 2.1.x: questi sono meno stabili per molteplici ragioni. I nuovi controller di dischi (ad es. Ultra Promise) sono supportati solo nei kernel 2.1.x. Tuttavia i kernel della serie 2.1.x hanno subito molti cambiamenti del driver per i dispositivi a blocchi, nel codice DMA e interrupt, in quello per le interfacce PCI, IDE, SCSI e nel driver dei controller di dischi. La combinazione di questi fattori, abbinata ad hard disk a basso prezzo e/o a cavi di scarsa qualità può portare a discreti disastri. Il tool ckraid, come fsck e mount mette sotto stress il sistema RAID. Tutto questo può portare all'impossibilità di fare il boot del sistema, una situazione dove anche la combinazione magica alt-SysReq non ci salverà. Siate prudenti con i kernel 2.1.x e aspettatemi problemi. Oppure utilizzate ancora il kernel 2.0.34.

  4. D: Utilizzo un vecchio kernel. Dove posso trovare le patch?
    R: La funzionalità RAID-0 Software e quella "linear mode" fanno parte di tutti i nuovi kernel di Linux. Le patch per le funzionalità Software RAID-1,4,5 sono disponibili su http://luthien.nuclecu.unam.mx/~miguel/raid. e sul quasi mirror ftp://linux.kernel.org/pub/linux/daemons/raid/ per patch, tool e varie..
  5. D: Dove posso trovare del materiale sulla tecnologia RAID per Linux?
    R:
  6. D: Chi posso accusare di aver scritto questo documento?
    R: Questo documento è stato messo insieme da Linas Vepstas. Comunque molte informazioni e anche qualche parola sono state fornite da:

    Copyright

    • Copyright (C) 1994-96 Marc ZYNGIER
    • Copyright (C) 1997 Gadi Oxman, Ingo Molnar, Miguel de Icaza
    • Copyright (C) 1997, 1998 Linas Vepstas
    • Secondo le leggi sul copyright, i copyright sulle rimanenti parti sono implicitamente di coloro che hanno contribuito a questo documento e che sono stati precedentemente menzionati.

    Grazie a tutti di essere qui!


Avanti Indietro Indice

Hosting by: Hurra Communications GmbH
Generated: 2007-01-26 17:56:22